Cloud

Come lavoriamo

Equipe multiprofessionale

Consulenza, Valutazioni e Terapie

Il Centro, attraverso un’equipe multiprofessionale, offre un servizio di consulenza, effettua valutazioni neuropsicologiche e psicodiagnostiche e terapie di tipo cognitivo, neuropsicologico, psicologico e psicoterapeutico.

Il modello di lavoro, sia nella fase valutativa che terapeutica, è di tipo multidimensionale, tiene cioè in attenta considerazione, i diversi ambiti di funzionamento del bambino o ragazzo: cognitivo, neuropsicologico, emotivo, relazionale, comportamentale e prevede il coinvolgimento dei genitori e talvolta anche degli insegnanti o altri adulti di riferimento.

La presa in carico in età evolutiva è tanto più efficace tanto più è possibile il rapporto di collaborazione e di rete con i diversi contesti di vita in cui bambino o ragazzo è inserito.
Durante il colloquio di consulenza si raccolgono informazioni e si analizza attentamente la domanda e il bisogno che hanno condotto a richiedere una consulenza.

Una consulenza può essere esaustiva e risolversi in uno o due colloqui, se invece emerge la necessità di approfondire la situazione , si predispone un percorso valutativo individualizzato sempre aderente alla specifica domanda e in conformità ai protocolli e alle linee guida nazionali.

Approfondimenti

In cosa consiste un percorso valutativo?

Dopo uno o due colloqui con i genitori si accoglie e si conosce il bambino o il ragazzo e ha inizio la fase di valutazione che si basa generalmente sul colloquio clinico, sull’osservazione e sull’utilizzo di questionari e batterie di test standardizzati nel rispetto delle necessità emerse.

Al termine del percorso valutativo, lo specialista definisce e descrive il quadro complessivo emerso attraverso una relazione clinica o una certificazione in cui sono indicati interventi personalizzati o strategie per affrontare la situazione.

La relazione o certificazione sarà consegnata ai genitori durante il colloquio di restituzione, questo permetterà di condividere il quadro emerso direttamente, in modo tale da poter spiegare, rispondere alle domande e attivare un confronto ritenuto sempre necessario.

Se lo si ritiene opportuno, e concordato con i genitori, è possibile condividere i risultati della valutazione anche con il consiglio di classe o con l’insegnante referente; lo scopo è fornire informazioni, supportare nella definizione di strategie e metodologie didattiche o educative di aiuto al bambino o ragazzo ed eventualmente aiutare nella stesura del PDP o PEI.

Gli obiettivi di un intervento sono quelli di ridurre o rimuovere le problematiche, promuovere il benessere e migliorare la qualità di vita del minore nei suoi contesti di vita.