Cloud

ATTIVITA’: Consultazione psicologica

La Consultazione Psicologica

Quando è utile

Non sempre i problemi dei bambini rientrano in un quadro francamente psicopatologico, talvolta le difficoltà si risolvono naturalmente e spontaneamente, ma altre volte invece, perdurano e si aggravano.

Un disagio è rilevante sul piano clinico, ed è consigliabile una consultazione psicologica, se:

  • persiste nel tempo,
  • le tentate soluzioni hanno mantenuto o aggravato il problema,
  • la famiglia sente di non poter agire direttamente ed efficacemente per far fronte al problema,
  • il livello di stress conseguente è troppo elevato per il bambino e/o per la famiglia,
  • è evidente una significativa compromissione del funzionamento nell’ambito familiare, scolastico o sociale.


In questi casi è bene, non trascurare il malessere psicologico dei bambini contando sul fatto che “passerà con la crescita”. Imparare a riconoscere ed accogliere i segnali di disagio da parte di genitori e insegnanti è fondamentale per far fronte tempestivamente al problema; è dimostrato, infatti, che prima si interviene maggiori sono le possibilità di aiutare efficacemente il bambino.
Una consultazione psicologica permetterà di aiutare il bambino e i suoi genitori ad individuare il tipo di difficoltà, capirne il significato, valutare l’impatto che ha sul bambino e nei suoi ambiti di funzionamento e soprattutto permetterà di capire come attivarsi per fornire una risposta efficace e tempestiva.

Iter del centro

Si effettuano uno o più colloqui con i genitori per comprendere il motivo della richiesta e provare a inquadrare il problema.

In funzione di quanto emerso si valuta insieme se intraprendere un percorso di counseling genitoriale finalizzato ad affrontare o risolvere specifiche situazioni; oppure, nel caso in cui la situazione presentata fosse fin da subito chiaramente meritevole di approfondimento, procedere con la raccolta di informazioni necessarie per programmare poi una presa in carico del bambino o del ragazzo per una valutazione psicodiagnostica.

Talvolta la consultazione consiste in un unico colloquio, quando per esempio, la persona porta un dubbio o uno specifico quesito che appare risolto alla fine dell’incontro.

Nel caso si intraprendesse un percorso di valutazione psicodiagnostica

Il percorso di valutazione è individualizzato, ritagliato sul bambino o ragazzo e perciò definito in funzione delle problematiche emerse e dell’età del minore.

Prevede generalmente da 4 a 8 sedute durante le quali si effettuano colloqui clinici, osservazioni comportamentali, somministrazioni testistiche.

Esito della valutazione

Concluso l’iter diagnostico, il clinico incontrerà i genitori al fine di giungere ad una prima comprensione e condivisione del problema e del funzionamento complessivo del figlio; a seconda dell’età e/o della situazione si potrà o meno coinvolgere in questa fase anche il ragazzo.

Sarà fornita una diagnosi descrittiva e una diagnosi funzionale-esplicativa, grazie all’approccio multidimensionale che considera gli aspetti emotivi-cognitivi-relazionali e la loro interconnessione.

Ci pare necessario sottolineare che la diagnosi a tutte le età, ma in particolar modo in età evolutiva, non deve essere intesa come un’ etichetta, ma come una descrizione dinamica sempre modificabile nel tempo.
Durante il colloquio saranno forniti ai genitori consigli pratici ed eventualmente saranno date indicazioni circa le possibili azioni da intraprendere che possano essere di aiuto per affrontare la situazione.

Per prendere un appuntamento contattateci:
marker Via Vincenzo Bellini 32 – 20900 Monza call 039/9418573 imgevolutiva.info@gmail.com

imgLa segreteria è aperta il Lunedi Martedi Mercoledi dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Si riceve solo su appuntamento.