Bambini

 

Non sempre i  problemi  dei bambini  rientrano in un quadro francamente psicopatologico e talvolta le difficoltà si risolvono naturalmente e spontaneamente, altre volte invece, perdurano e si aggravano.

Un disagio è rilevante sul piano clinico se

  • persiste nel tempo,
  • le tentate soluzioni hanno mantenuto o aggravato il problema,
  • la famiglia sente di non poter agire direttamente ed efficacemente per far fronte al problema,
  • il livello di stress conseguente è troppo elevato per il bambino e/o per la famiglia,
  • è evidente una significativa compromissione del funzionamento nell’ambito familiare, scolastico o sociale.

In questi casi è bene, non trascurare il malessere psicologico dei bambini contando sul fatto che “passerà con la crescita”. Imparare a riconoscere ed accogliere i segnali di disagio da parte di genitori e insegnanti è fondamentale per far fronte tempestivamente al problema; è dimostrato, infatti, che prima si interviene maggiori sono le possibilità di aiutare efficacemente il bambino.

In questi casi è utile richiedere una consultazione clinica, in modo da aiutare il bambino, i suoi genitori e i suoi insegnanti ad individuare il tipo di difficoltà, per poterle dare un nome, capirne il significato, valutare l’impatto che ha sul bambino e nei  suoi ambiti di funzionamento  e soprattutto per ripristinare al prima una situazione di equilibrio e di crescita.